allergia agli acari delle derrate alimentari

Posted on

04/03/2019. A differenza di molti altri tipi di allergie, le allergie agli acari rientrano nella categoria delle cosiddette allergie perenni, … La concentrazione di questi allergeni nell’ambiente non è conosciuto. L’allergia alla polvere è l’allergia agli acari. La frequenza di legame alle IgE per gli allergeni del gruppo 4 è in media del 40%, variando dal 25 al 46%. Gli acari sono assolutamente innocui, tranne che per le persone allergiche, i cui disturbi sono causati da una reazione dell’organismo all’inalazione delle loro p… Nell’uomo circa il 70 % delle IgE si legano anche a un ricombinante rDer p15. Viene diviso in varie parti: - il propodosoma: è il segmento anteriore che porta ventralmente il  I e II paio di zampe; - il metapodosoma: anche da esso si originano ventralmente il III e IV paio di zampe, fra le quali, spesso si apre nelle femmine l’apertura genitale (vagina od ovoporo), nel maschio il pene. Queste azioni tuttavia hanno un ruolo adiuvante, facilitatore della reazione IgE-dipendente. Questi allergeni sono presenti nell’intestino degli acari, ma non passano nelle pallottoline fecali. MD-2 si lega ai lipopolisaccaridi (LPS) e attiva la via di segnalazione del TLR4 [Toll-Like Receptor 4] legandosi all’ectodominio [= dominio che si estende nello spazio extracellulare] di questo recettore. A partire dall’uovo l’ontogenesi degli acari comporta 6 stadi: pre-larva, larva, tre ninfe (protoninfa, deuteroninfa, tritoninfa) e adulto. I parassiti che attaccano comunemente gli alimenti comprendono un gran numero di specie di infestanti, noti tecnicamente come insetti e acari delle derrate alimentari.Gli infestanti delle derrate alimentari possono infestare un’ampia varietà di alimenti, tra i piu’ noti esistono gli insetti della pasta e della farina. Nella parte posteriore e ventrale è localizzata l’apertura anale. Redazione: aha! Accanto a questi vi sono gli ACARI MINORI o delle derrate alimentari così chiamati perché rappresentano dall’1 al 15% della popolazione acaridica della polvere di casa, prediligono ambienti particolari (silos, magazzini alimentari, granai, fienili) e sono allergeni meno potenti. Gli acari della polvere, i più diffusi, sono responsabili di punture ed allergie nell'uomo, problemi che vengono trattati, rispettivamente, con pomate e con farmaci antistaminici e corticosteroidi. Per le fonti documentali, vedi alla fine della parte terza di questo orgaomento. L’allergia all’acaro della polvere predispone allo sviluppo di allergie alimentari? La sua identità di sequenza aminoacidica è del 38% con la proteasi tripsina-like del Der p 3 e del 40% con la chimotripsina del Der p 6. Gli insetti delle derrate alimentari sono i principali infestanti dei luoghi in cui si producono, lavorano e commercializzano prodotti alimentari. - Lepidoglyphus destructor, inizialmente descritto come l’acaro dei silos, delle stalle, o dei granai … sembra rappresentare attualmente  tra i Glicifagidi l’acaro il più sovente riscontrato nelle polveri di casa in Europa. I dermatofagoidi possono allora colonizzare delle zone microclimatiche favorevoli, più umide, in particolare alla periferia dei materassi, e a livello delle imbottiture. Gli allergeni del gruppo 6, ad attività chimotripsinica,  sono delle proteine di 25 kDa purificate a partire da estratti del Dermatophagoides pteropyssinus e Dermatophagoides farinae. I test di riscaldamento e di mobilità hanno dimostrato che il riscaldamento della base di un tappeto o di altre strutture tessili fanno risalire gli acari viventi alla loro superficie dove si possono anche raccogliere. Gli allergeni naturali di questo gruppo sono in parte degradati e presenti a deboli concentrazioni: meno di 1 microgrammo/ml. Gli allergeni che hanno delle omologie importanti, sono filogeneticamente molto vicini e hanno la stessa funzione biochimica sono stati raggruppati in differenti gruppi. Tyrophagus casei è conosciuto anche per infestare i formaggi nei quali forma dei piccoli cuniculi. Azione sulla permeabilità dell’epitelio bronchiale e sulle giunzioni strette. L’esocuticola ha uno spessore variabile, non è presente in corrispondenza delle membrane articolari. Nel 2009 sono state apportate maggiori precisazioni concernenti la funzione del Der p 2 , aprendo la via alle funzioni di altri allergeni di questo tipo. Le particelle fecali possono accumularsi nella polvere. La regione C-terminale di Sarcoptes scabei  e Blomia tropicalis mostra una identità di sequenza di 60 e di 44% rispettivamente nei confronti del Der p 14, e ciò è importante se uno prende in considerazione la lontananza tassonomica di queste  specie. Viene isolato in grandi quantità nei locali adibiti alla stagionatura dei prosciutti, ma anche nei caseifici, nei magazzini e negozi di alimentari, nei silos, nella coltivazione di funghi…. Gli allergeni del gruppo 1 non sono solo presenti nelle pallottoline fecali  ma possono provenire dalle secrezioni salivari  ed essere trasportate da delle particelle di un diametro aerodinamico dell’ordine di 5 micron. La loro fecondità è più importante, l’umidità relativa di cui hanno bisogno è inferiore, e il loro cibo è maggiormente diversificato. La tropomiosina ha una struttura elicoidale: è costituita da due eliche alfa attorcigliate l’una all’altra . Le fonti bibliografiche alla fine della terza parte. I bisogni quantitativi e qualitativi dei Dermatofagoidi sono modesti. In realtà, l’allergia è dimostrata soltanto nel 2–6 per cento dei casi. E AGLI ACARI DELLE DERRATE ALIMENTARI O ACARI DI STOCCAGGIO. Acari della polvere. La presenza di Dermatophagoides pteronyssinus anche quando vi sono in abbandonza gli acari di stoccaggio o la Blomia tropicalis  è quasi costante. Difficilmente prolificano al di sotto dei 15°C; sopravvivono ma si sviluppano male al di sopra dei 35°C. Gli acari sono a sessi separati e la riproduzione in genere è per via sessuale. Gli acari della polvere sono responsabili del 75% delle allergie respiratorio e in alcuni casi, l’allergia si manifesta con altri sintomi come arrossamento e gonfiore agli … Numerosi studi hanno avuto come oggetto l’eventuale ruolo degli allergeni del gruppo 1 nella allergenicità degli acari. L’esoscheletro e l’endoscheletro formano il dermascheletro, il cui studio comparato consente informazioni utili per la classificazione degli acari. Il ruolo degli acari di stoccaggio venne allora limitato al settore agricolo e all’ambiente rurale. Gli acari fanno parte della classe ARACHNIDA assieme agli scorpioni o ai ragni. Gli allergeni maggiori Der p 1 e Der f 1 sono distrutti da una temperatura di 60°C, al contrario degli allergeni del gruppo 2, sono proteine termoresistenti che non si alterano affatto alle temperature di 100°C. Tra gli allergeni dei Dermatofagoidi, Der p1 è stato il primo allergene clonato. Il loro peso molecolare è molto elevato: 167 kDa. La tropomiosina è pure un allergene dell’ordine dei ditteri: mosche e chironomidi,  come rLep s 1 del pesciolino d’argento [Lepisma saccharina dell’ordine dei Thysanura], un insetto lucifugo veloce e privo di ali che vive nelle abitazioni umane. Un’altra caratteristica del Der p 1 è il suo alto grado di polimorfismo, in rapporto all’allelismo di un unico gene codificante per Der p 1. Come riconoscere l’allergia agli acari della polvere e come proteggersi dai sintomi. L’esistenza di una reattività crociata con la glutation-S-transferasi della Blatella germanica [piccola specie di scarafaggio], Bla t 5, è stata discussa. Si era ipotizzato un suo impiego nella lotta biologica integrata per controllare e ridurre la popolazione degli acari, ma sfortunatamente anch’esso probabilmente esprime  gli stessi allergeni degli acari domestici. Inoltre gli allergeni a funzione enzimatica rappresentano solo il 40% dell’insieme degli allergeni. L’hypopus rappresenta uno stadio di sviluppo che è in grado di resistere a condizioni ambientali sfavorevoli, come bassa umidità e relativa assenza di nutrimento per settimane o mesi, per poi riprendere lo sviluppo normale  quando cessano le condizioni avverse, L’hypopus inerte si forma in alcuni acari del genere Acarus, Glyciphagus, Lepidoglyphus . Per “derrate alimentari” si intende tutta l’ampia varietà di merci usate per l’alimentazione, sia umana che animale, lo stoccaggio delle quali può avvenire sia nei grandi magazzini, silos, celle frigorifiche, dell’industria alimentare che nella piccola media dispensa delle nostre case. sulla polvere di casa, mentre gli insetti producono acido urico. [9;14] I sintomi più comuni dell'allergia agli acari della polvere sono: [17] Starnuti frequenti. La maggior parte degli allergeni degli acari Piroglifidi sono degli enzimi: cistein-proteasi, tripsine e chimo-tripsine, amilasi, collagenasi, chitinasi, …. Tre fattori sono importanti per lo sviluppo degli acari: - un fattore necessario, ma variabile a seconda della specie: l’alimentazione. Disinfestazione dagli acari delle derrate e della polvere Gli acari della polvere appartengono alla famiglia Pyroglyphidae ed al genere Dermatophagoides . Le squame, i frammenti di cheratina, i peli di origine umana o animale rappresentano l’alimento preferenziale degli acari fanerofagi quali il Dermatophagoides pteronyssinus. Grazie alle banche dati, si sono potute mettere in evidenza per la loro attività biologica associazioni tra sequenze di allergeni e proteine conosciute. Gli acari possono per esempio inoltrarsi all’interno dei materassi dove essi possono essere più numerosi che in superficie. Le particelle fecali possono accumularsi nella polvere. Tra di essi gli acari domestici rappresentano una piccolissima minoranza. La conoscenza della struttura delle molecole allergeniche degli acari, purificate o clonate, ha permesso di comprendere meglio le reazioni crociate che si manifestano nei pazienti sensibilizzati ad allergeni di origine diversa: Piroglifidi, Glicifagidi, Acaridi (acari di stoccaggio) e Echimiopodide (Blomia tropicalis). Attraverso le tecniche di immunochimica, come quelle di immunoblotting, sono state messe in evidenza numerose bande proteiche  che si legano alle IgE dei pazienti allergici agli acari, ma non tutte sono state ancora registrate dall’IUIS. La femmina di Dermatophagoids pteronyssinus  depone 20-80 uova; la specie Dermatophagoides farinae è più prolifica: da 200 a 300 uova. In aggiunta, la reazione agli acari può causare sintomi oculari, congiuntivite, prurito diffuso e disturbi del sonno. I prodotti dell’escrezione sono ricchi di guanina. E’ stato identificato un allergene maggiore Der m 1. Alla sua superficie possono essere presenti aree definite più sclerificate, dette scleriti, formando gli scudi dorsali e ventrali e altre strutture rigide del corpo. Numerosi allergeni non hanno funzioni enzimatiche, in particolare del gruppo 2, altri allergeni maggiori dei Dermatofagoidi. Gli allergeni del gruppo 14 fanno parte della famiglia delle LLTP (large LTP) [proteine di trasporto dei lipidi]. Le osservazioni in vitro hanno condotto a proporre che l’allergene Der p 1, attraverso il clivaggio specifico alla superficie dei linfociti B umani del CD23, recettore di debole affinità delle IgE, possa aumentare la produzione di IgE. Nella maggior parte degli acari di nostro interesse la funzione respiratoria  e gli scambi gassosi si realizzano attraverso la cuticola. I più importanti sono: La loro cuticola, come è già stato ricordato, è infatti molto sottile per cui è facile la disidratazione del corpo; per questo motivo non tollerano umidità inferiore al 60%, mentre … Allergeni da interni: comprendono acari della polvere, acari delle derrate alimentari, funghi e pulci. SORGENTI E DEPOSITI DEGLI ALLERGENI DEGLI ACARI PIROGLIFIDI DELLA POLVERE DOMESTICA E DEGLI ACARI DI STOCCAGGIO. Le omologie tra questi allergeni e quelli dei dermatofagoidi del gruppo 2 sono variabili e poco importanti: Lep d 2 e Der p 2 : 36%; Tyr p 2 e Der p 2 : 41%: mentre le omologie di struttura degli allergeni del gruppo 2 degli acari di stoccaggio sono dell’ordine dell’80%. allergia agli acari della polvere di casa o acari domestici. - Tyrophagus putrescentiae è presente nelle zone temperate ma più spesso nelle zone tropicali. Inoltre la presenza di numerosi occupanti che vivono in uno spazio ristretto induce una elevazione delle concentrazioni degli allergeni degli acari. Allergia a pollini e acari: anche gli alimenti possono provocare dei sintomi. Ha bisogno di un tasso di umidità relativo molto alto, superiore all’80% e fa parte degli acari fungivori. > Sintomi dell'allergia > Cause > Diagnosi > Cure per l'allergia Come si sviluppano i sintomi dell'allergia Questi allergeni sono termoresistenti e non si alterano fino alle temperature di 100°C. Gli infestanti possono veicolare una vasta gamma di malattie che causano organismi, inclusi batteri, virus, protozoi ed elminti che possono causare danni ai consumatori e al personale […] Le seguenti specie presentano alcune caratteristiche in comune. Poiché gli allergeni permangono dopo la morte degli acari, anche gli acari morti, le uova, le larve sono fonti allergeniche. Si tratta di un allergene maggiore: dal 50 al 70% delle IgE specifiche di pazienti allergici ad un estratto totale  di Dermatophagoides pteronyssinus o  di Dermatophagoides farinae si legano al Der p 1. Il suo peso molecolare è di 22 kDa, ha una glicosilazione elevata e variabile.

Just Eat Catania, Caf Cgil Torino Sedi, Mavi Felli Vivere, Santa Maria Paese, Forte Inglese Portoferraio Orari, Dove Abita Alessandra Amoroso A Lecce, La Guerra Di Piero Spartito Pianoforte Pdf, Librerie Lavora Con Noi, Foglio Calcolo Punteggio Ata 3 Fascia 2017, Sally Vasco Rossi, 14 Settembre Cosa Si Celebra, Walking In The Wind Per Zayn,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *